Juventus, Pirlo: “Ecco dove farò giocare Ronaldo”

Juventus-Barcellona: Cristiano Ronaldo e Chiellini out
Juventus-Barcellona, Pirlo: Cristiano Ronaldo e Chiellini out (www.gettyimages.it)

Andrea Pirlo, tecnico della Juventus, ha parlato a Sky Sport dopo la gara contro il Verona.

Juventus-Verona: intervista a Pirlo
Juventus-Verona: intervista a Pirlo

Juventus-Verona: intervista a Pirlo a Sky Sport

“Non dovrebbe essere solo reazione. Nel primo tempo eravamo troppo attendisti, nel secondo tempo c’è stata una buona reazione, ma non dobbiamo prendere lo schiaffo per reagire.

Kulusevski? Lo avevamo fatto riposare perchè veniva da 6 gare consecutive, abbiamo aspettato per dargli riposo.

Dybala? Non ci aspettavamo che restasse in campo per tutti e 90 minuti.

Bonucci? Vediamo, aveva già sentito qualcosa a Kiev, aveva stretto i denti questa sera, ora valuteremo con calma”.

Intervista a Pirlo sulla gara

Quando giochi contro il Verona, o contro l’Atalanta, è una gara tosta perchè ti vengono a prendere uomo contro uomo a tutto campo. Avevamo provato giocate do prima per uscire, abbiamo sbagliato troppo l’ultimo passaggio.

Quando giochi contro di loro è dura per tutti, i centrocampisti hanno fatto una buona gara, anche nella gestione della gara ma dobbiamo migliorare.

Champions? Lo sapevamo che sarebbe stata una gara più difficile per l’intensità che ti da il Verona. Avevamo lavorato sulla pressione. Non dobbiamo prendere lo schiaffo per svegliarsi. Una cosa è giocare in Champions con il pubblico che alza l’attenzione, una cosa era questa sera. Ma le partite si vincono anche con questo”.

Intervista a Pirlo su Ronaldo

Ronaldo? Abbiamo in mente di poter far giocare tutti insieme, Ronaldo con Dybala e con Morata, in base alle caratteristiche di ognuno. Ronaldo può giocare nella sua posizione classica, da centrosinistra vicino all’altra punta, come può farlo Dybala e Kulusevski. Sono calciatori simili che possono coesistere. Oggi mancava l’ampiezza con Chiesa e abbiamo provato a Bernardeschi a cui mancava un po’ di continuità.

Le posizioni in campo possono cambiarsi, l’importante è mantenere le posizioni di attacco coperte. Non cambia nulla se entra uno o l’altro. Gli uomini possono anche variare”.Pirlo