Italia-Spagna: altro infortunio, non gioca la semifinale

Italia-Spagna, non solo Leonardo Spinazzola, arriva un altro infortunio importante che comprometterà la sua presenza in campo nelle semifinali di martedì a Wembley tra le due Nazionali per Euro 2020.

Italia-Spagna: Sarabia infortunato, non gioca. In dubbio anche Laporte

La Spagna rischia di arrivare senza due protagonisti principali alle semifinali di Euro 2020 contro l’Italia. Martedì non dovrebbe scendere in campo per infortunio l’ ’attaccante spagnolo Pablo Sarabia, costretto a lasciare la sfida contro la Svizzera ad inizio secondo tempo.

Quasi certamente, secondo le notizie di oggi, il calciatore salterà Italia-Spagna. Sarabia non dovrebbe andare in campo durante la semifinale contro gli azzurri in scena martedì 6 luglio a Wembley. Il giocatore del Paris Saint-Germain è ai box per  un problema muscolare all’adduttore destro e nelle prossime sarà sottoposto ad esami più approfonditi per valutarne l’entità. I tempi di recupero restano lunghi.

LEGGI: Italia-Spagna, è caos

Infortunio Italia spagna
Infortunio Italia spagna

Sarabia non gioca, Laporte a rischio per Italia-Spagna

Oltre a Pablo Sarabia, attenzione massima anche per Aymeric Laporte. Il centrale del Manchester City, infatti, ha saltato la seduta di scarico di ier della Spagna. Tuttavia sembra che l’assenza del centrale Laporte sia legata ad un riposo precauzionale, dopo due partite consecutive da 120 minuti.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Mancini è in apprensione anche per un altro problema fisico

calciomercato inter sarabia
calciomercato inter sarabia

Oyarzabal al posto di Sarabia?

Al posto di Pablo Sarabia potrebbe scendere in campo dal primo minuto contro l’Italia Mikel Oyarzabal.

L’esterno della Real Sociedad è stato protagonista del rigore decisivo che ha spedito le Furie Rosse in semifinale contro la Svizzera. L’esterno ha parlato stamattina in conferenza stampa

Italia?  «Hanno dimostrato di cosa sono capaci e dove vogliono arrivare, ma il nostro obiettivo è il medesimo. Abbiamo più possibilità di passare il turno se pensiamo a fare gioco».

Rigori?  «Sono cose che si provano, noi l’abbiamo fatto tanto in allenamento. Si può anche pensare alla fortuna ma noi eravamo preparati.  I portieri lo fanno sui tiratori, i tiratori lo fanno sui portieri…».

Critche? «Credo siano state ingiuste nei nostri confronti. Noi siamo un gruppo che sta muovendo i primi passi. E arrivando fino a qui ve lo abbiamo dimostrato».

TitolarE?  «Non scelgo io quando scendere in campo, ma se vengo messo dentro do il massimo. Sono contento del mio lavoro nel club e delle possibilità che sto avendo in Nazionale».

LEGGI ANCHE >>> Il nostro incubo Doku è al centro del mercato: ecco dove potrebbe andare

Sarabia