Italia, Raspadori TITOLARE: il perché della scelta di Mancini (FOCUS S&G)

Italia Raspadori
Italia, Raspadori titolare (Getty Images)

La scelta ben precisa del CT dell’Italia, Roberto Mancini, che ha escluso Kean e non solo per Giacomo Raspadori. Il giovane talento del Sassuolo ha stregato l’intera Serie A e pure il tecnico dell’Italia che, a differenza di altre situazioni in altri reparti, ha deciso di giocare di sorpresa, andando dritto sulla scelta del centravanti del Sassuolo.

Italia, Raspadori titolare: l’ipotesi di Mancini, ecco perché

Una variante tattica in attacco per l’Italia di Roberto Mancini, con l’ipotesi da titolare per Raspadori. Sì perché Immobile e Belotti difficilmente verranno schierati assieme, con uno che si alternerà all’altro in queste prime tre partite del girone, anche per permettere un recupero di energie e fiato, per centrare l’obiettivo qualificazione alla fase finale di Euro 2021.

A differenza di Belotti e Immobile, centravanti da qualità molto simili, Giacomo Raspadori è l’arma in più di Roberto Mancini e dell’Italia. Nel 2018, al momento dell’esclusione dell’Italia clamorosa, dai Mondiali in Russia, l’intera Penisola si è interrogata sul calcio italiano: perché non ripartire dai giovani? E, con le dovute misure, a Mancini è stato concesso di ritrovarsi in rosa una batteria importante di giovani. E, tra questi, si è aggiunto proprio il baby-talento del Sassuolo.

Il classe 2000 ha fatto letteralmente impazzire il CT Mancini, nella sua seconda parte di stagione al club neroverdi, tanto da convincerlo sulla convocazione. Più di Kean, più di Caputo, più di chiunque altro sia finito nel giro della Nazionale nel percorso fatto con il Commissario Tecnico in questi ultimi tre anni.

LEGGI ANCHE >>> Italia, Mancini sulle esclusioni: “Ecco perchè ho scelto Raspadori e non Politano”

Italia, i numeri di Raspadori: avrà qualche chance?

Giacomo Raspadori può essere impiegato anche da titolare per l’Italia, con l’intenzione di dare un volto nuovo alla punta italiana. A soli 21 anni, 3 mesi e 17 giorni ha trovato il suo debutto con la Nazionale maggiore – 4 giugno 2021, contro la Repubblica Ceca -. E solo una settimana dopo, sarà con la pettorina di Euro 2021, in attesa di una chance che Mancini potrà concedergli. Sì perché sono solo dodici minuti in campo con la Nazionale, eppure Raspadori potrà essere pronto a cambiare il reparto offensivo di Mancini.

Italia, Raspadori titolare con Insigne e Chiesa: le ipotesi del tridente

Con Chiesa e Insigne ai suoi lati, Raspadori può fungere da importante “falso nove” nella formazione titolare dell’Italia, considerando la sua statura e la capacità di muoversi tra le linee, mettendo in difficoltà le difese avversarie. Capacità di giocare spalle al difensore, nonostante la sua fisicità, girare attorno allo stesso e trovare il guizzo giusto. Caratteristiche diverse da quelle del duo formato da Ciro Immobile e Andrea Belotti, ma pronte ad essere messe a disposizione del CT Mancini.

Italia Raspadori
Giacomo Raspadori (Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Italia, Mancini: “Fiduciosi per la Finale, i tifosi ci aiuteranno”

E lo stesso allenatore ha tanto seguito dal vivo Raspadori, a Coverciano, per poi prendere la decisione di portarlo nel suo organico. E chissà che, in almeno una delle tre partite che l’Italia affronterà da stasera, fino alla fine del girone, non possa partire da titolare. E chissà che l’Italia, anche grazie al suo contributo, non possa diventare una delle protagoniste di questo Euro 2021. E questa volta, con i giovani in vetrina, così come si era tanto sperato tre anni fa, nella clamorosa beffa contro la Svezia.

Italia Raspadori
Italia, Giacomo Raspadori (Getty Images)