Juventus-Napoli: perché il ricorso è stato respinto? Il motivo

Juventus-Napoli data
Juventus-Napoli, spunta la data (www.gettyimages.it)

Niente da fare per gli azzurri che si sono visti respingere il ricorso per quanto riguarda la partita ‘Juventus-Napoli’ del 4 ottobre che non si è mai disputata. Chiarito anche il motivo che ha portato alla decisione della Corte Sportiva D’Appello.

Juventus-Napoli (www.gettyimages.it)

Caso ‘Juventus-Napoli’, ricorso respinto: il motivo

Oggi è uscito il comunicato della Corte Sportiva D’Appello per quanto riguarda il ricorso presentato dal Napoli sul match contro la Juventus mai disputato. Gli azzurri sono stati ancora una volta soccombenti: resta quindi la partita persa a tavolino, oltre al punto di penalizzazione in classifica. Ma perché?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus-Napoli: la Corte Sportiva respinge il ricorso degli azzurri

Caso ‘Juventus-Napoli’ ricorso respinto: le motivazioni

Nonostante la stessa società del Napoli abbia insistito nell’accoglimento del ricorso della partita contro la Juventus, la Corte non ha potuto che confermare la decisione del giudice di primo grado.

Questo perché si è intesa tutelare lo svolgimento del campionato e si ormai palesato ciò che qualcuno mormorava: le pronunce dell’ASL che si sono susseguite in questi giorni non sono state altro che un alibi per il Napoli.

Il club di Aurelio De Laurentiis ha quasi favorito l’intervento dell’Azienda Sanitaria Locale, che a quel punto, verificati i fatti, ha impedito agli azzurri di muoversi. Altro che causa di forza maggiore quindi, si sarebbe trattato di un piano orchestrato dallo stesso club partenopeo.

LEGGI ANCHE >>> FIGC, a breve la decisione sul ricorso di Roma e Napoli: il comunicato

coronavirus juventus u-23
Juventus-Napoli, 4 ottobre (www.gettyimages.it)

Caso ‘Juventus-Napoli’ ricorso respinto. La Corte: “Comportamento non rispettoso

La corte presieduta da Piero Sandulli ha utilizzato toni molto più sprezzanti verso il club partenopeo rispetto alla sentenza di primo grado: “Questa Corte vuole evidenziare che il comportamento tenuto dallo stesso Napoli non è per niente rispettoso verso le altre società di Serie A, che in situazioni del tutto analoghe hanno, regolarmente, disputato gli incontri che le vedevano impegnate“.

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha già annunciato ricorso anche al TAR (se dovesse andare male anche con il Collegio di Garanzia dello Sport del Coni).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, oggi l’appello contro la Juventus: la decisione

LEGGI ANCHE >>> Napoli, Gattuso: “Di Marzio? Lo mando a fan****”