Italia, Mancini dopo il terribile scontro: “È cosciente, ma colpo durissimo”, svelate le condizioni

Ha parlato ai microfoni di Rai Sport, nel post-partita di Albania-Italia, il CT della Nazionale azzurra, Roberto Mancini. Ecco le sue parole sul tema principale della serata: l’infortunio di Sandro Tonali.

Italia, Mancini svela le condizioni: “È cosciente”

Roberto Mancini ha parlato nel post-partita di Albania-Italia, al centro delle questioni c’è la situazione che riguarda Sandro Tonali, uscito in barella dopo un durissimo scontro in campo.

Si è temuto il peggio perché lo stesso centrocampista del Milan e della Nazionale è finito a terra dopo uno scontro aereo, cadendo a terra con interessamento per collo e spalle. Il calciatore è stato prontamente immobilizzato dallo staff medico, che lo ha accompagnato all’esterno del terreno di gioco, con la sostituzione immediata del CT azzurro.

E Roberto Mancini ha tranquillizzato tutti, in merito alle sue condizioni: Per fortuna Sandro Tonali era cosciente dopo l’infortunio, ma il colpo è stato durissimo”.

Tutte le news sul calciomercato italiano e e non solo: CLICCA QUI!

Tonali infortunio Albania-Italia – Stopandgoal.com

Italia, le condizioni di Tonali dopo l’infortunio

Roberto Mancini ha parlato di Tonali, dopo il suo infortunio in Albania-Italia: “Ha preso un bel colpo, era cosciente, è andato a fare degli esami”. Stessi esami strumentali che faranno venire fuori le reali condizioni del centrocampista dell’Italia e del Milan, così da verificare anche gli effettivi tempi di recupero dopo la durissima botta subita tra collo e spalle.

LEGGI ANCHE >>> Milan: dopo Tonali si fa male anche lui, Pioli disperato

Italia, le parole di Mancini nel post-partita

Roberto Mancini ha parlato dopo Albania-Italia, ecco le sue parole: “Bisogna giocare sempre bene, in qualsiasi momento. Grifo? Tutto l’attacco è andato bene, è un ragazzo straordinario, un bravissimo giocatore e con delle qualità importanti”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Italia, guai per Mancini: nuovi infortuni, in tre lasciano il ritiro