Aumento prezzi DAZN, Codacons denuncia: “Tifosi? Carne da macello”

La Serie A 2022-23 inizia con un problema: DAZN e l’aumento dei prezzi degli abbonamenti. A partire dalla prossima stagione, infatti, per sottoscrivere nuovi contratti, bisognerà pagare molto di più rispetto alla stagione 2021-22.

DAZN aumenta i prezzi, denuncia da Codacons

Qualche mese fa DAZN aveva annunciato un drastico aumento dei prezzi per la Serie A 2022-23. E nella giornata di ieri, la tv digitale ha annunciato i costi dei nuovi abbonamenti per la prossima stagione.

DAZN ha annunciato lo stop alla doppia utenza per la Serie A 2022-23 se non a fronte di un aumento di prezzi.

Per avere la possibilità di condividere l’account bisognerà pagare 39,99€/mese. Il prezzo standard è di 29,99€/mese e gli abbonati potranno vedere il contenuto in contemporanea solo sulla stessa rete domestica. Questo ha provocato grandi polemiche e anche il Codacons ha denunciato lo spropositato cambio di prezzo.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

Codacons DAZN
Codacons DAZN – Stopandgoal.com (LaPresse)

Codacons denuncia DAZN: annuncio del presidente

Carlo Rienzi, presidente del CODACONS, ha parlato della polemica dell’aumento dei prezzo di DAZN. Ecco le sue parole a Radio Punto Nuovo.

“Il problema dei prezzi di DAZN è legato alla Lega Calcio. Non si firmano dei contratto sui diritti televisivi senza fissare delle regole. Siamo molto arrabbiati, abbiamo mosso i nostri passi. Speriamo che DAZN torni sui propri passi, perché è una decisione assurda”.

Serie A senza DAZN? “Non credo che la Lega Calcio si muoverà in questo senso. Già una lettera di scuse sarebbe gradita, ma da questi signori non mi aspetto più nulla. Al prossimo rinnovo del contratto, i tifosi devono premere per condizioni migliori. SKY e DAZN usano i consumatori come carne da macello, e non va bene”.

LEGGI ANCHE >>> Serie A a DAZN: cambia tutto, ecco cosa succede

Pres. Codacons: “DAZN prova a fregare gli utenti”

Il presidente CODACONS, Carlo Rienzi, poi ha rincarato la dose contro DAZN. Secondo il numero uno dell’organizzazione che difende i diritti dei consumatori, la tv digitale agisce provando a “fregare” i clienti.

Ci vuole una vera concorrenza per DAZN. Questi elementi approfittano delle crisi, pandemiche e legate alla guerra, per speculare. Come il panettiere aumenta il costo del pane, così aumentano anche loro. Tanto pensano: ora, chi se ne accorge? E invece no, è sbagliato”.

LEGGI ANCHE >>> Ultime notizie Serie A: addio a DAZN, ecco dove si vedranno le partite

DAZN
DAZN – Stopandgoal.com (LaPresse)