Calcio illegale: 2 anni di carcere e multa da 500 mila euro

Adesso è anche ufficiale la condanna al termine del processo. Arrivano pesanti notizie riguardo la persona coinvolta con il mondo del calcio che finirà dietro le sbarre.

Calcio illegale: la condanna

Non c’era altra strada che quella di finire in galera. Il mondo del calcio apprende la notizia che arriva direttamente dal noto quotidiano al termine del processo. Una sanzione che qualcuno ha ritenuto anche leggera, ma alla fine è arrivata e sarà questa. Il fondatore di Rojadirecta finisce in carcere. Dopo aver dominato per anni il mercato online della pirateria, mettendo in ginocchio le grandi emittenti televisive, soprattutto sportive, alla fine arriva la sentenza finale. L’inventore di Rojadirectaonline è stato condannato al carcere dopo anni di partite e non solo in modo illegale.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

rojadirecta carcere multa
rojadirecta carcere multa

Rojadirecta: 2 anni di carcere al fondatore

L’inventore di Rojadirecta, accusato di aver creato da il 2013 e il 2018 un sito per trasmettere illegalmente calcio, film e altri contenuti senza diritti, è stato condannato a 2 anni di reclusione. Inoltre, dovrà anche pagare una multa di 500 mila euro come forma di risarcimento. A rivelarlo è il noto quotidiano spagnolo Marca. Una pesante sanzione per Rojadirecta che continua ad esistere ancora ad oggi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> IPTV: ecco come scovare il pezzotto

Rojadirecta: tante le alternative

Rojadirecta ha pagato ma sono tante le alternative del noto sito online. Infatti, ancora oggi, il calcio pirata, film, serie e tanto altro stanno creando problemi non di poco conto. Il fatto che in maniera illegale domini ancora l’IPTV (pezzotto) dopo il caso Rojadirecta è un qualcosa che deve far riflettere. Tante le indagini in corso che ad oggi però non hanno portato a sviluppi importanti come il caso del sito spagnolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A: partita rinviata, l’annuncio

rojadirecta
rojadirecta