PSG, arresto: due anni di carcere, l’annuncio

Arresto in arrivo, scossone in casa PSG: più di due anni di carcere per il “FIFAgate”. C’è l’annuncio sulla reclusione, scandalo per quello che è uno dei club tra i più ricchi dell’intero panorama calcistico.

PSG, arresto: l’annuncio sulla reclusione

Il Paris Saint-Germain nei guai, a causa dell’arresto chiesto dal Pubblico Ministero della Confederazione. Arrivano da Bellinzona, precisamente in Svizzera, le richieste da parte dell’MPC, dinnanzi alla Corte d’Appello del Tribunale Federale, per quello che è il processo legato ai diritti televisivi. Oggi, in Svizzera, la richiesta d’arresto per Nasser Al-Khelaifi.

Il presidente del PSG potrebbe essere arrestato con una reclusione da scontare di ben 28 mesi. Il potentissimo patron del club parigino è anche proprietario di BeIn, coinvolto appunto in quelle che sono le vicende di cui è accusato.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

Leonardo Al-Khelaifi PSG - Stopandgoal.com
Leonardo Al-Khelaifi PSG – Stopandgoal.com (La Presse)

PSG, arresto per Al-Khelaifi: il motivo delle indagini

È il Corriere dello Sport a rivelare le ultime news circa la posizione di Nasser Al-Khelaifi, patron del Paris Saint-Germain che potrebbe essere arrestato, dopo la richiesta dell’MPC. Il presidente del PSG è anche il numero uno di BeIn, emittente televisiva, sulla quale sono venute fuori indagini. Ci sarebbero delle indagini proprio in merito ad alcune trattative legate ai diritti televisivi per le partite del Mondiale, che si giocheranno in Qatar. Una perquisizione all’interno della sede di BeIn, che sarebbe avvenuta lo scorso 12 ottobre. A seguito delle stesse indagini, la richiesta d’arresto per il presidente del PSG.

LEGGI ANCHE >>> PSG, annuncio shock su Neymar: “Ha problemi mentali”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato, Di Maria cacciato dal PSG: arriva gratis in Serie A

PSG, reato di truffa e corruzione: Al-Khelaifi nei guai

L’inchiesta che è venuta fuori sul presidente del PSG, con richiesta di arresto e reclusione, è per reato di truffa e corruzione. Con lui, tra le indagini, c’è anche l’ex segretario generale della FIFA, Walcke. Quest’ultimo, sarebbe coinvolto in quattro edizioni, quella del 2018 – già disputata – fino a quella del 2030. Il presidente del PSG sarà pronto a difendersi nelle sedi opportune.

PSG presidente Al-Khelaifi – Stopandgoal.com (La Presse)