Roma, arrivano gravi accuse dall’ex difensore: la bordata

ultime roma juan jesus
Juan Jesus e Manolas (www.gettyimages.it)

Dal campione arrivano delle parole durissime alla radio ufficiale, il club capitolino è accusato di montare infortuni ad arte per coprire vicissitudini della società.

Roma, l’accusa del difensore centrale

Oggi la Roma si trova a vivere un momento di grande serenità, ma la situazione non è stata sempre così. Almeno per qualcuno. Intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli infatti, Juan Jesus ha rivelato che la Roma fingeva i suoi infortuni. Ecco quanto raccolto dalla nostra redazione: “Non so perché a Roma ho giocato poco, non mi sono mai fatto male, uscivano notizie che lo affermavano, ma non era vero. Non ho nulla contro i giallorossi, sto solo raccontando la verità“.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI!

Sono un professionista“, continua Juan Jesus, “tutti quelli che mi conoscono lo sano. Anche a Roma arrivavo prima degli altri all’allenamento e me ne andavo dopo di loro. Se guardiamo le partite, si vede che ho sempre contribuito, non sono mai aumentato di peso, nonostante sia una cosa che capita spesso a chi non gioca“.

ultime juan jesus
Juan Jesus (www.gettyimages.it)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Roma, nuova richiesta di Mou: i dettagli

Roma, Juan Jesus sta con Spalletti

Nel corso dell’intervista, Juan Jesus si è soffermato anche su Luciano Spalletti, che a Roma ha trascorso tanti anni: “Lui ci dà tranquillità e serenità nel lavoro. Sa bene le nostre qualità e vuole sempre fare in modo che diamo il meglio. In queste prime due gare abbiamo avuto un buon atteggiamento anche nei momenti difficili. All’epoca di Roma ci diceva sempre che è importante vincere, ma alla fine restano le persone che siamo“.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Ultimatum al giocatore: firma o sarà addio

ultime napoli juan jesus
Juan Jesus (www.gettyimages.it)

Roma, il ricordo di Juan Jesus sui suoi anni in giallorosso

Juan Jesus conclude il suo intervento con un commento su come i compagni alla Roma lo abbiano aiutato: “A 30 anni, dopo aver vissuto spogliatoi con Totti, De Rossi, Nainggolan, Strootman, ho raccolto imparato tanto. Ora riesco a ragionare meglio, a capire i momenti della partita e ad aiutare quando mi è concesso all’interno dello spogliatoio“.