Esonero Pirlo, le ragioni che la Juventus dovrebbe considerare (FOCUS S&G)

Pirlo Juventus
Juventus Pirlo (Getty Images)

Andrea Pirlo si trova ad affrontare un periodo complicato: visto che è alla prima esperienza da allenatore, la Juventus fa bene a concedergli fiducia incondizionata?

Juventus, il difficile inizio di Pirlo

Se la Juventus di Sarri avesse giocato, o ancora peggio vinto, quanto la Juve di Andrea Pirlo, quest’oggi Figline Val d’Arno sarebbe presa d’assalto dai supporter bianconeri. Fino a questo momento, in Champions League, dopo la vittoria contro la modesta Dinamo Kiev, è arrivata la sconfitta casalinga contro il Barcellona. Non era mai successo prima d’ora che i bianconeri fossero battuti a Torino dai blaugrana.

Andrea Pirlo Allianz Stadium (www.gettyimages.it)

In campionato, le cose non vanno molto meglio: al momento la Vecchia Signora si trova al 5° posto con 9 punti in cascina, 3 dei quali ottenuti con una vittoria a tavolino. I pareggi contro Roma, Crotone e Verona sono ormai un chiaro segnale d’allarme. Ma la posizione di Pirlo per il momento, non è in discussione e di esonero nemmeno se ne parla. Perché?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Juventus, incontro con Sarri: il tecnico sta per tornare in pista

Juventus, Pirlo merita l’esonero? Le ragioni del sì

Detto che il mister si trova alla prima esperienza su una panchina ed è forse giusto che abbia altro tempo a disposizione, è anche chiaro come il fattore cronologico sia determinante. Ed è questa la prima ragione di riflessione. La Juventus si trova ad attraversare una fase di transizione, con un ricambio generazionale che non può che essere per certi versi traumatico.

LEGGI PURE >>> Ultime Juventus, ecco quando torna Cristiano

Nella crescita di giovani come Demiral, Bentancur,  Kulusevski e Chiesa, sui quali si fonderà probabilmente il futuro della Juventus, è davvero l’opzione migliore un tecnico come Pirlo che sta crescendo egli stesso? Strettamente collegato a questo assunto c’è il discorso pratico: una cosa è cambiare ad inizio stagione, un’altra farlo a dicembre, un’altra ancora a marzo.

Andrea Pirlo (Getty Images)

Inoltre, la scelta della formazione di Pirlo finora ha destato più di qualche perplessità. Il mister si è ritrovato spesso a portare avanti degli esperimenti, in alcuni casi necessari, in altri quantomeno inusuali. Cuadrado a sinistra, Ramsey senza un ruolo preciso, Rabiot, Bentancur e Arthur intercambiabili e non complementari: o si cambia modulo, o ci sarà da soffrire fino al prossimo mercato.

Esonero Pirlo, fino a novembre non se ne parla

Se davvero dovesse arrivare il momento delle riflessioni, qualora le cose non migliorassero, dovrà attendersi sicuramente il mese di novembre e la sosta per le Nazionali. Solo allora le parole Pirlo ed esonero potranno essere accostate nella stessa frase, anche dalle parti della Continassa.

A cura di
Vincenzo Credendino