Squalifica ufficiale dopo l’aggressione all’arbitro: 24 anni per il calciatore

L’episodio risalente allo scorso aprile ha trovato oggi la prima sentenza ufficiale: il calciatore dovrà scontare ben 24 anni di squalifica.

Succede nelle giovanili: ufficiale la prima sentenza

Colpevole di aver colpito il giovane arbitro Théo Boucher, un giocatore è stato sanzionato dal tribunale con il divieto di giocare in un club per 24 anni. Sul versante giudiziale, il caso sarà giudicato a fine giugno presso il tribunale di Amiens.

La vicenda giudiziale ora avrà sia una versante sportivo che uno ordinario. I fatti risalgono allo scorso 2 aprile, quando durante il match tra RC Salouël-Saleux (RC2S) e USOAAS d’Albert nel campionato under 17 francese, il giovane fischietto ha condotto per la prima volta una partita di calcio.

Dopo l’espulsione di uno dei giocatori, la madre del giocatore sanzionato ha perso le staffe ed scesa in campo dove ha preso a schiaffi Boucher. Anche il fratello del giocatore a quel punto è intervenuto, colpendo l’arbitro con una testata.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

squalifica giocatore arbitro aggressione
Aggressione all’arbitro: 24 anni per il calciatore, stopandgoal.com

Squalifica di 24 per il calciatore: ecco cos’ha fatto

Il giocatore espulso e poi squalificato, invece, ha picchiato l’arbitro riservandogli molti colpi. Il direttore di gara, che ha sporto denuncia, ha riportato un giorno di inabilità temporanea al lavoro (ITT) e una lesione cranica abbastanza significativa.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Roma, squalificato per tutta la stagione

Le indagini hanno portato quindi all’arresto di 4 persone, visto che oltre ai già citati, anche un altro giocatore ha aggredito Theo Boucher. Al secondo calciatore coinvolto sono stati comminati 2 anni di squalifica.

Le parole dell’arbitro aggredito Theo Boucher

Poche settimane fa, il giovane arbitro aggredito aveva dichiarato a RMC Sport che sarebbe tornato in campo “con un groppo allo stomaco“, dicendo che “non sarebbe più stato lo stesso“.

aggressione arbitro squalifica
LaPresse, stopandgoal.com

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A: niente squalifica, ricorso accettato

Questo incidente ha segnato profondamente Théo Boucher, che si è quindi rivolto pubblicamente alla madre: “Lei è una madre che deve educare i suoi figli, abbiamo tanti doveri come genitori. Nella mia testa non capivo. Sono rimasta davvero sorpreso, una madre di bambini deve avere rispetto per gli altri. Ha 44 anni anni, a 44 anni pensi prima alle tue azioni“.