Juventus, Allegri striglia i suoi: “Non accetterò più certi atteggiamenti”

Arrivano le dichiarazioni di Massimiliano Allegri nella conferenza stampa Juventus alla vigilia della gara di campionato contro il Cagliari, in programma domani alle ore 20.45.

Juventus: la conferenza stampa di Massimiliano Allegri

Juventus conferenza stampa Allegri: ecco le parole del tecnico.

“Che risposte vuole dopo la gara contro l’Inter? Domani sarà una partita molto complicata, giocare a Cagliari è sempre difficile perché comunque loro sono una squadra fisica. Credo che sarà una brutta partita tecnicamente, dobbiamo essere consci di questo, contano molto i tre punti. Abbiamo la Roma dietro, non dobbiamo perdere di vista il nostro obiettivo che è quello di entrare nelle prime quattro”

“Reazione dopo la sconfitta con l’Inter? Nel calcio non ci sono risposte da dare, bisogna solo giocare e adattarsi alle partite. Domani sarà molto diversa rispetto a quella di domenica scorsa, a Cagliari non ho mai giocato partite facili: conoscendo l’avversario e l’ambiente so che sarà dura”.

“Il nostro obiettivo era quello di entrare nelle prime quattro, c’è la Roma dietro di noi a meno cinque. Domani dobbiamo fare una grande partita e dare una risposta. Non possiamo ridurci e rischiare che la Roma si avvicini, domani indipendentemente dalla partita che verrà fuori dobbiamo vincere”

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

Juventus: il problema attacco, il parere di Allegri

“Credo che la squadra fino a questo momento si sia ben comportata. Siamo mancati nelle tre migliori partite che abbiamo giocato quest’anno, con l’Atalanta il Villarreal e l’Inter: abbiamo subito poco ma non abbiamo sfruttato le occasioni che abbiamo creato. Su questo dobbiamo migliorare nelle scelte. Queste sfide le abbiamo lasciate per strade e ci dispiace, bisogna migliorare ma questo passa attraverso la serenità di tutti”.

“Nell’ultimo periodo abbiamo creato tanto. Dobbiamo essere più lucidi e cinici nel concretizzare. I complimenti non servono a niente. Non dobbiamo trovare alibi, i complimenti non ci devono essere ma solo le vittorie”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTA NOTIZIA >>> “Juve, ti aspetto a braccia aperte”: l’annuncio sul colpo dal Sassuolo

Cagliari-Juventus: probabili formazioni, parla Allegri

“4-2-3-1 o 4-3-3? Oggi faremo l’ultimo allenamento e vedremo un po’ le condizioni dei giocatori. Locatelli starà fuori 4 settimane, non ci saranno neanche Morata e De Sciglio per squalifica. Al di là delle assenze dovremo fare una grande partita e portare a casa i tre punti. Stiamo bene fisicamente e ci sono tutte le condizioni per fare bene.

Bonucci? Sta meglio, valuterò se farlo giocare dall’inizio o portarlo in panchina. Bernardeschi? Può essere la partita giusta per tutti, in questo momento non possiamo assolutamente scherzare: mancano sette partite, dobbiamo essere più precisi nella fase offensiva. Mckennie? Momentaneamente è in ritardo. Speriamo di recuperarlo nel giro di un mese, per il finale di stagione”. 

“Dybala? Questo mese e mezzo che manca alla fine della stagione abbiamo tempo per lavorare ma allo stesso tempo abbiamo obiettivi da raggiungere. Tutti devono essere in condizione per raggiungere il quarto posto e giocare una finale di Coppa Italia, indipendentemente dalla loro situazione contrattuale. Dobbiamo essere concentrati per portare a casa i risultati”. 

“Rabiot? A due si trova meglio, è un giocatore che ha gamba e forza. In questo momento sta meglio fisicamente, contro l’Inter anche tecnicamente ha fatto bene. Ci sono delle partite in cui per necessità dobbiamo giocare con un centrocampo a tre, la cosa importante è che la squadra ottenga il risultato”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTA NOTIZIA >>> Calciomercato Juventus: colpo “alla Ronaldo”, altro che Dybala