Arbitri 9a giornata: i giornali lo distruggono, “dopo lo scandalo rimborsi vada via”

Rigore
Rigore

9a giornata di Serie A che si chiude per le polemiche dopo gli arbitraggi delle due gare serali.

Arbitri 9a giornata: i giornali lo distruggono

A Milano tante polemiche per il rigore concesso nel finale alla Juventus dal direttore di gara Mariani. A Roma il clima è incandescente con Spalletti e Mourinho espulsi dal direttore di gara Massa nel finale della gara.

Ma se secondo il Corriere dello Sport, l’arbitraggio di Mariani è stato buono in Inter-Juventus, diverso il discorso per l’arbitro Massa in Roma-Napoli che tornava “un big match dopo che questa estate, coinvolto nello scandalo dei rimborsi, aveva scritto nell’etere che era finita”. 

La prova di Massa è stata totalmente insufficiente e macchiata da due errori gravissimi. Il mancato rosso ad Abraham che, già ammonito, colpisce in faccia Zielinski, e il rigore non concesso ad Anguissa.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

Rigore
Rigore

Inter-Juventus: il rigore concesso da Mariani per fallo su Alex Sandro

Il calcio di rigore concesso dall’arbitro Mariani è stato assegnato grazie al VAR. Il direttore di gara non aveva visto (non il rigore, difficile capire se fosse dentro o fuori area, ma il fallo durante l’azione) ed è stato richiamato da Guida, al VAR, che ha segnalato l’infrazione. Corretto l’operato del VAR (è chiaro ed evidente errore, semplicemente perché è fallo), peccato per Mariani che però ha condotto la partita molto bene. Sulla linea dell’area Alex Sandro anticipa Dumfries che gli calcia il piede, Mariani non ravvisa nulla mentre Guida lo richiama. In questo caso non è in discussione l’intensità (non parliamo di trattenute o spinte) ma dell’oggettività del gesto. E’ evidente che Mariani non si sia accorto del tocco che vede al monitor.

simone inzaghi in panchina
Inter, Simone Inzaghi in panchina

 

Roma-Napoli: due episodi chiave

Molto male la prova dell’arbitro Massa all’Olimpico in Roma-Napoli, in un big match dopo che questa estate, coinvolto nello scandalo dei rimborsi, aveva confermato di non voler più arbitrare. Al di là dei tantissimi errori disciplinari (Osimhen e Abraham hanno rischiato l’espulsione) e tecnici (per tutti: su Anguissa). I giocatori in campo non hanno digerito la sua direzione. Dopo la fine (fischiata con anticipo su una ripartenza del Napoli quando per il fallo di Zaniolo si era rimasti molto fermi) è arrivato anche il rosso a Spalletti che lascia dubbi come quello di Mourinho (girato verso la panchina colpisce una bottiglietta).

Ma l’episodio chiave è un altro. Al minuto 58′ Viña ricadendo colpisce Anguissa con lo scarpino sinistro che struscia il tendine d’Achille della gamba destra dell’azzurro: Massa non lo vede, ma il VAR (Di Bello) come a Milano doveva segnalare l’OFR. Sarebbe stato calcio di rigore come ricorda il Corriere dello Sport.

LEGGI: Juve: Chiesa fuori, Allegri svela tutto

Notizie Napoli
Napoli Spalletti (Getty Images)