Fiorentina, Italiano è una furia in diretta: le parole sull’espulsione

Fiorentina Italiano
Fiorentina, conferenza stampa Italiano (Getty Images)

Vincenzo Italiano, tecnico della Fiorentina, ha parlato ai microfoni DAZN dopo la sconfitta contro l’Inter.

Fiorentina: Italiano sull’espulsione di Nicolas Gonzalez

Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina, ha parlato nel postpartita dopo la sconfitta contro l’Inter. Disfatta pesante su rimonta, e che ha visto anche l’espulsione nel finale di Nicolas Gonzalez. Il tecnico ha parlato dell’errore del suo giocatore:

“Su Nico Gonzalez? In altre situazioni mi sarei arrabbiato, deve capire che negli ultimi minuti potevamo provare a vincere. Con lui dentro potevamo creare più pericoli, ha sbagliato. 

Tutte le news sul calciomercato italiano e e non solo: CLICCA QUI!

Fiorentina Italiano
Fiorentina, conferenza stampa Italiano (Getty Images)

Fiorentina-Inter: Italiano sulla gara

Italiano ha poi parlato anche della gara in diretta su DAZN. Sconfitta sicuramente amara per la viola, che è prima passata in vantaggio con Sottil, e poi ha subito la rimonta con le reti di Darmian, Dzeko e Perisic.

“Penso che bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno. Siamo stati all’altezza, abbiamo avuto molte palle gol per andare sul doppio vantaggio. Ci dovevamo aspettare il loro ritorno, risultato troppo pesante per quanto fatto vedere. Usciamo tra gli applausi, questo significa tanto per me. Il primo obiettivo è la salvezza, per come abbiamo vissuto gli ultimi anni dobbiamo concentrarci sul quello”

LEGGI ANCHE: Fiorentina-Inter: formazioni ufficiali, risultato in diretta e highlights

Ultime Fiorentina, Italiano: “Ecco dove dobbiamo migliorare”

Infine Italiano ha detto la sua su dove la Fiorentina deve migliorare per continuare al meglio il campionato:

“Negli ultimi 20 metri dobbiamo ancora migliorare, nel secondo tempo non abbiamo avuto il giusto coraggio. Le rotazioni che faccio sono sempre in relazione alla condizione dei ragazzi”

POTREBBE INTERESSARTI: Inter: Inzaghi lo fa fuori, ecco il motivo