Serie B, vergogna italiana: assalto alla figlia del mister

Serie B, incredibile quello che è accaduto a poche ore dall’inizio dell’ultimo turno di campionato che si giocherà domani alle ore 14.

Gianluca Grassadonia (www.gettyimages.it)

Pescara, aggredita la figlia di Grassadonia

Serie B, vergogna a Salerno: la figlia del tecnico del Pescara, Gianluca Grassadonia, è stata aggredita da alcuni “tifosi” della Salernitana. Domani pomeriggio, alle ore 14, è in programma l’ultimo turno di campionato. A Pescara, la squadra allenata da Fabrizio Castori si giocherà la promozione in Serie A: i granata si trovano, attualmente, al secondo posto in classifica. Con una vittoria è promozione assicurata.

L’avversario è il ‘Delfino’ di Grassadonia che non ha più nulla da chiedere al campionato, visto che nella giornata di venerdì è arrivata l’aritmetica retrocessione in Serie C. A poche ore dall’inizio della sfida che si disputerà all’Adriatico è arrivata la notizia della brutale violenza che ha subito la figlia dell’allenatore nativo proprio di Salerno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Brescia-Pescara, paura per Grassadonia: malore per il tecnico durante il match

Pescara, il post della moglie di Grassadonia: “Ora basta

Pescara, la figlia di Grassadonia aggredita dai sostenitori della Salernitana. A denunciare l’accaduto è stata la moglie dell’ex calciatore del Cagliari, Annabella Castagna, direttamente dal suo profilo Facebook. Questo il suo post: “Dopo cinque giorni di minacce ed insulti, la follia che si è verificata questa sera è intollerabile. Hanno preso a calci e spintoni nostra figlia di soli 18 anni, affinché il papà capisca…tutto per una partita di calcio. La nostra vita continuerà lontana da Salerno. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno dimostrato solidarietà”. 

LEGGI ANCHE >>> Serie B: malore in campo, salvato dal defibrillatore

Gianluca Grassadonia (www.gettyimages.it)

Il messaggio del Pescara e della Salernitana

Pescara, il club è vicino alla famiglia Grassadonia dopo l’aggressione alla figlia. Questo il loro messaggio: “Avevamo già pronta la nostra grafica, ma oggi le mamme ci perdoneranno. Quello che è accaduto questa notte a Salerno ci lascia profondamente scossi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie B, è ufficiale: rinviata Reggiana-Cittadella per covid-19

Questo invece il comunicato del club di Claudio Lotito: “La Salernitana condanna i comportamenti intimidatori ed offensivi messi in atto da qualcuno nei confronti dei familiari di Gianluca Grassadonia. Una partita di calcio resta tale e non può scatenare manifestazioni di violenza verbale”.