Bulgaria-Italia, Belotti: “Il Covid ci ha distrutto fisicamente”

andrea belotti
Calciomercato Milan Andrea Belotti (Gettyimages.it)

Bulgaria-Italia, le parole di Andrea Belotti subito dopo la fine della gara. L’attaccante del Torino ha aperto le marcature siglando la rete del vantaggio su calcio di rigore.

Andrea Belotti (www.gettyimages.it)

Bulgaria-Italia, le parole di Belotti dopo la gara

Bulgaria-Italia, le parole raccolte dalla nostra redazione di Andrea Belotti ai microfoni della ‘Rai’ subito dopo la fine della partita vinta dagli azzurri per 2-0: “Assegnazione del rigore? Ho parlato con Insigne. Anche lui lo sapeva e sono andato deciso. Sono contento di aver fatto gol perché abbiamo sbloccato una partita molto difficile.

Arrabbiato per il palo? Sì, perché l’avevo vista dentro poi ha preso un giro strano il pallone, ha avuto un effetto che non mi so spiegare. Poi sulla ribattuta ho provato a calciare forte ed è andata sopra la traversa. Peccato, perché avrei fatto doppietta ed il risultato sarebbe stato più tranquillo se avessi fatto gol. 

Momento difficile con il Covid? Sì, concordo. Diciamo che il Coronavirus ha colpito parecchi di noi, anche a me nel ritiro precedente e anche ad altri. Purtroppo lo stiamo ancora affrontando questo nemico subdolo che colpisce molte persone. Colgo l’occasione di augurare una pronta guarigione a quelli che l’hanno preso e che ce l’hanno ancora. Poi c’è da dire che veniamo da due stagioni di fila, perché non ci siamo mai fermati e per questo che la stanchezza si fa sentire, è una cosa normale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bulgaria-Italia, Mancini: “Non esistono gare facili, ora vincere la prossima”

Diciamo che questa squadra la vedo sempre positiva, è un grande gruppo. Poi vincere è sempre bello. E’ normale che ci siano tante aspettative perché secondo me siamo una squadra veramente forte e che esprime un bel calcio. E’ un motivo di orgoglio per tutti noi calciatori.

Il gol lo dedico a mia figlia Vittoria. E’ nata lo stesso giorno che io ho scoperto di essere positivo, per due settimane non l’ho vista. E’ stata la gioia più grande della mia vita“.