Sampdoria, Ranieri: “Quagliarella? A volte gioca ed altre no, nulla di strano”

Ranieri
Claudio Ranieri (www.gettyimages.it)

Subito dopo la fine della partita pareggiata dalla sua squadra contro il Benevento di Pippo Inzaghi, è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sportl’allenatore della Sampdoria, Claudio Ranieri. Si è parlato anche della gestione Fabio Quagliarella.

Ranieri
Benevento-Sampdoria, Claudio Ranieri (www.gettyimages.it)

Le parole di Ranieri dopo Benevento-Sampdoria e anche su Quagliarella

Queste le parole del tecnico della Sampdoria, Claudio Ranieri, raccolte dalla nostra redazione subito dopo il pareggio ottenuto dai suoi contro il Benevento: al gol (dell’ex) di Caprari, ha risposto Keita Balde a dieci minuti dal termine. “Il punto di oggi è guadagnato”, ha dichiarato il mister, “quando non riesci ad imporre il tuo gioco meglio raccogliere questo che perdere una partita. 

Nel primo tempo siamo stati bravi a tenere in mano il pallino del gioco, anche se abbiamo lasciato una occasione a Caprari. Nel secondo tempo si è spenta la luce e ci hanno punito facendoci gol. Hanno avuto anche l’occasione di fare il secondo ed il terzo gol, fortuna nostra che ciò non si è verificato. Audero è stato bravo in alcuni interventi. Poi siamo riusciti a riprenderla.

Arrabbiato con la squadra? No. Siamo in un momento in cui stiamo né di qua né di là: basta poco per avvicinarsi alla zona retrocessione e basta poco per toglierci qualche soddisfazione. Se continuo ad allenare è perché sono ambizioso. Continuo a divertirmi. Sta a noi continuare a lavorare e fare punti. 

Inzaghi? A fine match mi sono avvicinato per fargli i complimenti. Ho ammirato la sua squadra molto determinata, crede in quello che fa fino all’ultimo secondo. Se potevamo vincerla? S’, mi chiedo perché non lo abbiamo fatto sin da subito. Ai miei chiedo sempre di dare il massimo. Oggi non lo abbiamo fatto e mi dispiace.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, risultati e highlights 21ª giornata: cade il Napoli. Pari Samp

Damsgaard? E’ solo un ragazzo, ora sta conoscendo la Serie A. Quando lo inserisco fa sempre la differenza. Può ricoprire più ruoli. E’ sempre disponibile e sono sereno quando lo vedo giocare.

Quagliarella? Continua ad essere importante per noi. Ci saranno sfide in cui giocherà ed altre no. Non ci vedo nulla di strano. E’ un campione e abbiamo sempre bisogno di lui.

Sfida Premier tra Liverpool e Manchester City? Sono due squadre strepitose. Nei ‘reds’ sembra che si sia rotto qualcosa. Ho i miei dubbi che siano a pancia piena, Klopp non te lo permetterebbe mai. Leicester? Continuo a seguirlo con grande piacere”.