Italia, Mancini nella bufera: colpa di una storia su Instagram

La storia di Mancini su instagram
La storia di Mancini su instagram

Roberto Mancini nell’occhio del ciclone. Il ct della Nazionale italiana è finito al centro del dibattito dopo una storia pubblicata sul suo profilo Instagram

Notizie Italia: la storia di Mancini su Instagram fa infuriare tifosi e non

Roberto Mancini nei guai. Il ct della Nazionale italiano è finito nel mirino della critica dopo una storia pubblicata sui social. Il commissario tecnico dell’Italia è finito nell’occhio del ciclone a causa dell’ultima story sul suo profilo. «Hai idea di come ti sei ammalato? Guardando il tg», questo il contenuto della storia postata da Mancini.

La storia di Mancini su instagram
La storia di Mancini su instagram

Instagram fatale per Mancini, c’è chi chiede le dimissioni

In molti hanno attaccato il ct per un messaggio più che discutibile postato non da un tecnco qualunque. Roberto Mancini, in un periodo particolarmente difficile vista la seconda ondata di epidemia, ha pubblicato una storia dal contenuto molto discutibile. In questa vengono attaccati anche i ct colpevoli, ironicamente, di far ammalare molti italiani incutendo paura raccontando il picco di contagi di questi giorni.

Una scelta “infelice” per il commissario tecnico. E sono in molti, oggi, a chiedere addirittura le dimissioni per l’allenatore che rappresenta non solo la Federazione Italiana ma anche il Paese intero.

Leggi anche >>> Hakimi positivo, ecco come lo ha scoperto

Roberto Mancini
BERGAMO Roberto Mancini

 

Ultime Italia, Mancini si dimette? Ecco cosa può succedere

Difficile dire se il polverone mediatico potrebbe portare addirittura alle dimissioni del commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini. Il ct aveva già parlato prima della gara contro l’Olanda tornando sul problema del virus in Italia e all’estero quando sembrava esser stato trovato un positivo anche nel gruppo azzurro:

«Non abbiamo vissuto una giornata da ricordare. Il nostro giorno è stato normale, avremmo dovuto fare allenamento alle 17-18, lo facciamo alle 20. Abbiamo fatto un tampone al giorno ed è arrivato questo falso positivo. Un po’ di distrazione nel nostro gruppo c’è stata. Bergamo? Ci fa piacere essere qui, con le cose già a posto, anche per la gente che sta vivendo questo periodo. Ora la situazione sta migliorando e, almeno in campo, l’Atalanta fa divertire abbastanza, ma magari avere i tifosi  allo stadio sarebbe stato diverso, di sicuro tutto poteva essere perfetto, ed invece saremo senza tifosi».

Leggi anche >>> Ronaldo positivo al coronavirus

Roberto Mancini
Roberto Mancini