È finita, doloroso addio in Formula 1: stentano tutti a crederci

In Formula 1 sarà necessario dire addio a qualcosa a cui tutti gli appassionati erano abituati, anche se sembra incredibile possa accadere

La Formula 1 è certamente uno degli ambienti più tradizionalisti, nonostante negli ultimi anni siano stati introdotti dei cambiamenti al regolamento che non hanno convinto del tutto gli appassionati. Nasce in questa direzione, ad esempio, la scelta di inserire nel calendario stagionale le “Gare Sprint”, che possono rendere avvincenti anche la vigilia di una gara, anche se spesso non si sono verificate grosse sorprese nell’esito finale.

Formula 1 addio doloroso
I vertici della Formula 1 hanno preso una decisione inaspettata – Foto | ANSA – Stopandgoal.com

È però difficile in alcuni casi pensare alla possibilità che alcune sicurezze possano essere eliminate del tutto e invece è quello che sembra possa accadere a breve. Non tutti potrebbero prendere bene questa decisione, soprattutto perché potrebbe influire anche sul destino dei piloti, non solo di chi è in lotta per il titolo.

In Formula 1 un addio che farà rumore

Ma a cosa dovranno dire addio appassionati e addetti ai lavori che operano in Formula 1? Il riferimento è a una delle location storiche, che è ritenuta talmente importante da essere sede anche dei test prestagionali, in cui i piloti hanno la possibilità di farsi un’idea più precisa della macchina che andranno a guidare negli impegni ufficiali.

Si tratta del circuito di Montmelò a Barcellona, dove si tiene il Gran Premio di Spagna, location scelta anche per il Motomondiale. Almeno per ora, è bene precisarlo, non c’è alcuna ufficialità, ma a parlarne è il reporter britannico Joe Saward, uno tra i più informati del settore, quindi ritenuto una fonte accreditata.

Formula 1 addio doloroso
A Barcellona resterebbe solo il Motomondiale – Foto | Stopangoal.com

A suo dire, non sarà una decisione immediata, ma che scatterebbe a partire dal 2026, in seguito alla scadenza del contratto tra i vertici  del Circus e i gestori del circuito. La mossa è certamente di portata storica, visto che nella città catalana le quattro ruote correvano ormai da quarantacinque anni.

Se questa idea venisse confermata, non ci sarebbe un addio totale alla Spagna. A ospitare una corsa sarebbe infatti la capitale Madrid, come già accaduto in passato.

Un ritorno al passato

L’idea di ospitare una gara di Formula 1 a Madrid, come detto, non sarebbe del tutto nuova, ma con alcune importanti differenze rispetto all’ultima volta. I protagonisti del Circus, infatti, non correrebbero in autodromo, ma su un tracciato semipermanente, come per il Circuit Gilles Villeneuve di Montreal e l’Albert Park di Melbourne.

La pista sarà allestita lungo i viali del quartiere fieristico IFEMA, non troppo distante dall’aeroporto internazionale di Barajas e il complesso sportivo del Real Madrid a Valdebebas. Già a inizio 2024, se non ci saranno ulteriori intoppi, dovremmo conoscere maggiori dettagli sulle caratteristiche della gara, in attesa dell’omologazione al circuito da parte della FIA, che non può che essere un passo necessario.

Puntare sulla capitale spagnola sarebbe anche una mossa anche strategica per il Circus. In quell’area, infatti, sono presenti diversi hotel di lusso che potrebbero beneficiare della presenza non solo degli addetti ai lavori, ma anche degli appassionati. Sembra invece da scartare la possibilità di due appuntamenti stagionali in città, mentre è probabile che qui possano essere ospitati anche altri eventi, concerti compresi, esattamente come accade a Miami.

Impostazioni privacy