Italia, bomba Mancini: “Addio? Voglio fare un annuncio”

Roberto Mancini, ct dell’Italia, ha parlato così nel post partita della ” Finalissima tra Italia ed Argentina ai microfoni di Rai Sport.

Intervista a Mancini: addio del ct?

Nel post partita della “Finalissima” il ct della Nazionale Italiana Roberto Mancini ha parlato solo della partita terminata col trionfo dell’Argentina, smentendo ogni sulla possibilità che possa dire addio all’Italia. Queste le parole di Mancini:  “Nel primo tempo abbiamo fatto due errori importanti che hanno ai loro gol. Nulla da dire comunque, complimenti all’Argentina, loro sono stati i migliori. Ovvio, doveva fare un gol per riaprire la partita, ma nel secondo tempo abbiamo fatto troppo poco per rimontare.”

Tutte le notizie sul  calciomercato italiano  e non solo:  CLICCA QUI

Roberto Mancini, ct Italia
IRoberto Mancini, ct Italia

Intervista post partita

Anche Giacomo Raspadori ha parlato ai microfoni di Rai Sport nel dopo gara:

“Sconfitta pesante. Siamo partiti col piede giusto. Il primo tempo è stato troppo severo, non meritavamo di stare sotto 2-0 dopo i primi 45′. La loro qualità nel fraseggio, nel secondo tempo, ci ha messo in difficoltà e non ci ha permesso di riaprirla. Complimenti all’Argentina. Noi dovevamo fare meglio, ma dobbiamo ripartire con entusiasmo. Abbiamo l’occasione per riprenderci e portare a casa punti nelle prossime partite di a Nation League.”

Giovanni Di Lorenzo, deluso dall’esito dei 45′, ha così parlato del match e del suo futuro in Nazionale:

“Sapevamo che con l’Argentina non era una partita semplice. Perdere una finale fa sempre male. Sono stati due anni intensi, dove abbiamo raggiunto qualcosa di incredibile con la vittoria dell’Europeo, ma dobbiamo comunque concludere al meglio la stagione, e darle onore, nonostante la delusione Mondiale. Dobbiamo ripartire tutti insieme proprio come 5 anni fa: ci sono giocatori giovani ed importanti sui quali potremo contare. Io voglio restare e giocare il più possibile con la Nazionale dopo averla raggiunta con tanto sacrificio, ma è poi il mister che sceglie cosa fare.”