Torino, infortunio Bremer: Juric preoccupato, svelate le condizioni

Il Torino di Ivan Juric batte il Bologna di Sinisa Mihajlovic 2-1. I granata vincono con una prestazione di grande livello, messa in dubbio solo nel finale con una grande forza di rivalsa dei rossoblù emiliani.

Torino, Juric: “Infortunio Bremer? Ecco come sta”

Al termine di Torino-Bologna, Ivan Juric ha analizzato la vittoria dei suoi. Ecco le parole del tecnico granata ai microfoni di DAZN.

La partita è stata stradominata, il risultato finale è bugiardo visto quanto abbiamo creato. Oggi i ragazzi hanno fatto il primo passo verso la crescita definitiva. Stiamo migliorando in tutto, non badano alle cose concrete spesso ma oggi l’hanno fatto alla grande”.

Infortunio Bremer?Voleva continuare ma speriamo non sia niente. Ha sentito un dolore al polpaccio, poi ci ha giocato su altri 20-25 minuti. Spero che sia uscito in tempo e che sia solo un affaticamento muscolare. Nei prossimi giorni valuteremo bene le sue condizioni”.

Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA QUI

Torino Juric
Torino Juric (Getty Images)

Juric a DAZN: “Dobbiamo essere più cinici”

Cosa manca al Torino? “La squadra sta bene, anche chi era in condizioni non ottimali, oggi ha dimostrato grande intensità e tanto gioco. Dobbiamo creare più occasioni possibili e continuare con questo tipo di mentalità, muovendo velocemente la palla, uscendo palla al piede. La squadra sta andando bene, oggi ha fatto un bel passo in avanti con il gioco, con l’idea e con le intenzioni. I particolari devono essere dalla nostra parte”.

Occasioni sprecate?Dobbiamo trovare un altro tipo di soluzione. Normalmente le mie squadre fanno tanti gol ma oggi non sta capitando. Oggi abbiamo fatto solo due gol, con Skorupski che ha fatto grandi parate. Possiamo migliorare e cerchiamo spesso anche gli inserimenti dei centrocampisti”.

LEGGI ANCHE >>> Torino-Bologna 2-1: Juric batte Mihajlovic, gli highlights

Torino Juric
Torino Juric (Getty Images)

Juric: “Voglio giovani sul mercato, io sono aziendalista”

Calciomercato Torino?Il mercato si fa prima, in estate. Si pensa sempre che io chieda i calciatori ma è il contrario: il mio concetto di lavoro è diverso. Volevo creare più alternative con ragazzi giovani che potessero crescere. Come ho fatto a Verona. Voglio che società come il Torino possano crescere con i giovani: dobbiamo creare giocatori a casa nostra, su quei calciatori con cui devo lavorare ogni giorno. E lo dico a mio discapito. Ci è mancato un po’ di coraggio all’inizio. Sono più aziendalista del presidente: per me bisogna crescere di giorno in giorno, risparmiando e tenendo i conti a posto. Probabilmente Cairo non era abituato, pensava che chiedessi chissà che. Io lavoro per il bene della società, non per il mio”.

LEGGI ANCHE >>> Ultime news Torino: Juric perde pezzi importanti, le ultime

Juric
Juric