Serie A, il mister è vicino all’addio: “Non sono preoccupato”

Nicola Conte
Davide Nicola e Antonio Conte (www.gettyimages.it)

Addio per il tecnico alla fine di questa stagione? Ne ha parlato pochi minuti fa in diretta a Sky Sport.

Nicola Torino
Davide Nicola (www.gettyimages.it)

Le parole di Nicola dopo Torino-Napoli

Brutta battuta d’arresto per il Torino di Davide Nicola che perde, in casa, per 2-0 contro un Napoli che si avvicina sempre di più alla qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Passo indietro per i granata, dopo i due pareggi e le due vittorie ottenute negli ultimi quattro incontri.

Queste le sue parole, raccolte dalla nostra redazione, del tecnico dei piemontesi: “Complimenti al Napoli, squadra molto forte. I miei non hanno mai mollato. Primo gol straordinario, sul secondo potevamo fare di meglio. Sono stati premiati da un rimpallo. Se non avessimo preso il secondo gol potevamo mettere la partita su un altro binario. Ci abbiamo creduto e abbiamo una possibilità importante di riaprire la partita. Fino alla fine non abbiamo mai mollato. Il Napoli ha meritato di vincere, ma noi abbiamo fatto il nostro match.

Parma sfida chiave? Intanto abbiamo una settimana di lavoro, ragazzi sono stati encomiabili. Non era una cosa scontata raccogliere quattro punti nelle ultime partite, non siamo schiavi di quello che accade. Ci può stare perdere col Napoli. Mandragora? Non mi preoccupo di chi può mancare. I cambi sono 5, i ragazzi hanno fatto di tutto. Ho un gruppo straordinario e mi fido ciecamente di loro. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Torino-Napoli 0-2: il risultato live e in diretta gli highlights

Se mi preoccupa la classifica e cosa non mi piace? A me non preoccupa nulla, siamo consapevoli che noi dobbiamo lottare fino alla fine. Siamo stati bravi a tirare dentro altre squadre, mancano ancora sei partite e abbiamo la possibilità di migliorare la nostra classifica. Non è che questo ko ci mette nella condizione di credere di meno in noi stesso, anzi ci abbiamo creduto e abbiamo riconosciuto i meriti degli avversari. Forse meritavano un gol. Adesso stacchiamo e poi riprenderemo a lavorare per la prossima partita”.