Genoa, Ballardini show in diretta: il mister si toglie i sassi dalle scarpe

preziosi agnelli
Enrico Preziosi e Andrea Agnelli (www.gettyimages.it)

Il Genoa di Davide Ballardini si aggiudica il derby ligure contro lo Spezia. I rossoblù battono 2-0 lo Spezia e avanzano a spron battuto verso la salvezza.

Genoa-Spezia, l’analisi di Davide Ballardini

Al termine del match tra Genoa e Spezia, Davide Ballardini ha analizzato la bella vittoria dei suoi ai microfoni di Sky Sport. Ecco le sue dichiarazioni: “Vittoria importante per raggiungere l’obiettivo che non è ancora raggiunto. All’inizio il Genoa ha vinto partite che non meritava, a volte dovevamo vincere ed è arrivato un pareggio: non siamo sorpresi. Io sono sorpreso da quello che ha fatto il Genoa, che ha fatto cose straordinarie da quando sono arrivato assieme al mio staff“.

Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, poi nel secondo tempo fai fatica quando spenti tanto e nonostante questo siamo sempre stati molto attenti. Poi siamo stati premiati per quanto fatto in tutta la partita magari. Sono arrivato alla 14ª giornata, qualche problemino c’era, bisogna farsi capire alla svelta, bisogna conoscere i giocatori, trovare la disposizione migliore per farli rendere“.

LEGGI ANCHE >>> Genoa-Spezia, Ballardini batte Italiano: sintesi e highlights

Genoa Ballardini
Genoa Ballardini (Getty Images)

Poi arriva il momento della stoccata: “Non parlo di quello che è stato fatto prima di me. Poi è evidente che il Genoa merita questi punti, gli attaccanti avevano bisogno di crescere. Destro veniva da più stagioni problematiche. Le cose le sapere voi quanto me, dico solo che da quando siamo arrivati il percorso è straordinario”.

Chi sarà il destinatario di tale bordata? Difficile pensare al collega Maran, più plausibile che fosse un messaggio rivolto al presidente Preziosi.

Futuro? Io non vado oltre questa stagione, è ancora da finire e finire nel modo migliore. Non abbiamo ancora raggiunto l’obiettivo. Alla fine si faranno altri ragionamenti, non va bene, a parer mio, pensare alla prossima stagione, quando ci sono ancora 5 partite di straordinaria importanza. Non c’ho proprio pensato“.