Calciomercato Genoa, Ballardini su Scamacca: “Pronto per l’Italia? Ancora no”

Genoa Ballardini
Davide Ballardini (Getty Images)

Subito dopo la fine della partita pareggiata dalla sua squadra contro la Fiorentina è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport’ il tecnico del Genoa, Davide Ballardini.

Davide Ballardini (www.gettyimages.it)

Le parole di dopo di Ballardini dopo Genoa-Fiorentina

Queste le parole raccolte dalla nostra redazione di alla fine della gara di Davide Ballardini dopo il pareggio del Genoa contro la Fiorentina :”Partita difficile perché la Fiorentina è una squadra forte. Il risultato era importante per noi, una volta la ripresa del campionato è sempre difficile dopo la sosta. Sapevamo che era difficile con il cambio di allenatore. Match sporco e non bello da parte nostra.

Salvezza? Parlo della prestazione. Oggi eravamo appesantiti dalle due settimane che avevamo fatto. Avremo più partite che allenamenti prossimamente. Forse alla fine magari visto quello che è successo puoi essere dispiaciuto ma finisce lì. 

Fallo su Zappacosta? Arriva in modo scomposto Eysseric su Davide. Se un mio giocatore fa un intervento così mi preoccupo perché il rischio è grande. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Genoa, Ballardini: “Peggior primo tempo di sempre, Scamacca sta capendo”

Scamacca pronto per la Nazionale maggiore? Credo abbia qualità importantissime. Da qui a dire che è pronto per la Nazionale ce ne vuole. Ha avuto un gennaio tribolato. C’erano tante voci su di lui. Ha qualità fisiche e tecniche importanti. Deve imparare il gioco e a muoversi senza palla. E’ umile e imparerà. Non è ancora pronto per l’Italia di Mancini anche se ha le qualità per essere un grande centravanti. Se farà tanti gol, allora tra aprile e maggio valuteremo. 

Destro rinnovo automatico per il decimo gol stagionale? Lo vedo sempre nel gioco Mattia. Attacca e si muove bene e difende anche. Lo vedo dentro la partita, sempre. Magari da difetto come allenatore avversario, magari durante la partita non lo vedevi. Si assentava ogni tanto. Invece adesso no. Ora viene premiato perché ha qualità. E’ bravo a fare gol. E’ il Killer Instinct. A Shomurodov gli dico che deve prendere esempio da Destro“.