Spezia, Italiano: “Salvezza? Ho detto ai miei che 29 punti sono troppo pochi”

Fiorentina Vincenzo Italiano
Fiorentina Vincenzo Italiano (Gettyi Images)

Subito dopo la vittoria (con il brivido specialmente nei minuti di recupero) contro il Cagliari di Leonardo Semplici è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport’ l’allenatore dello Spezia, Vincenzo Italiano.

Vincenzo Italiano (www.gettyimages.it)

Le parole di Italiano dopo Spezia-Cagliari

Queste le parole raccolte dalla nostra redazione del mister dello Spezia, Vincenzo Italiano, che ha battuto il Cagliari per due reti ad uno (gol di Piccoli e Maggiore per i padroni di casa, Pereiro per il gol della bandiera dei sardi): “Era più di un mese che non vincevamo, ho sofferto tanto. Siamo una squadra un po’ così, ma volevamo tornare a vincere. 3 punti importanti arrivati dopo un periodo non bello e ce li prendiamo tutti. Sono pochi quelli che abbiamo, dietro come era logico iniziano a fare risultato e ad andare forte. Ora tocca a noi, altrimenti inizia a diventare un bel problema. 

Soffrire un po’ meno se è possibile? Secondo me è una questione che è difficile da fare per una linea difensiva. Anche a me piacerebbe stare lontano dalla nostra area quando arrivano i Cerri e i Simeone, poi l’allenatore sparisce. Li ho richiamati tutti, ma non c’è stato verso. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spezia-Cagliari: risultato live, diretta e formazioni ufficiali

Quanta fiducia abbiamo? Penso che oggi a parte quegli ultimi minuti la squadra ha fatto una gran bella partita contro un avversario di qualità che ha molta forza ed esperienza. Sapete benissimo quanti debuttanti abbiamo. 29 punti non sono tanti, cercheremo di alimentare questo entusiasmo data da questa vittoria. Non perdiamo mai la fiducia, abbiamo una identità di gioco. Rispetto alla gara precedente ne abbiamo cambiati 3-4 e abbiamo ottenuto una grande vittoria. Ai ragazzi ho detto proprio che 29 punti sono ancora troppo pochi.

Parole di Zeman? E’ una soddisfazione enorme. Non l’ho mai avuto come allenatore, ho sognato di averlo come mister ma non ci sono mai riuscito. Sentire le sue parole è un orgoglio per me. Sono felice della sua stima, è una carica in più per me con tutti questi sacrifici e difficoltà che ci sono. Questa settimana è arrivata anche la convocazione in Nazionale di Ricci, è una bella soddisfazione. Magari condito con l’obiettivo finale che cercheremo di ottenere in qualsiasi modo. 

Sono segnali importanti perché nell’ultimo periodo alternavamo troppi momenti positivi e negativi, oggi nel secondo tempo un po’ temevo la qualità del Cagliari e un calo dei miei che sono stati bravi. Quando non riusciamo ad andare in vantaggio non la perdiamo, oggi è andata bene. Il nostro portierone è stato decisivo, ci prendiamo questi tre punti”.