Calciomercato Milan, Pioli: “Migliorare? La dirigenza può accontentarci”

Milan, Pioli
Stefano Pioli (Getty Images)

Subito dopo la fine della partita vinta dalla sua squadra contro il Sassuolo a Reggio Emilia, è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport’ l’allenatore del Milan, Stefano Pioli.

Stefano Pioli (www.gettyimages.it)

Le parole di Pioli dopo Sassuolo-Milan

Queste le parole sul calciomercato del Milan, Stefano Pioli, raccolte dalla nostra redazione dopo la vittoria di oggi pomeriggio contro il Sassuolo di Roberto De Zerbi: “Leao? Ogni tanto ci proviamo in allenamento. Abbiamo approcciato bene l’incontro, speri sempre che le cose vadano sempre nel migliore modo possibile. Abbiamo vinto contro una grande squadra molto forte, che ci ha messo in difficoltà. Dal punto di vista mentale ci dà grande soddisfazione.

Assenti? Abbiamo le idee chiare. Calciomercato? Sappiamo che c’è la possibilità di migliorare la dirigenza mi ascolterà, è difficile gestire tante assenze così. Ci mancavano due difensori e due attaccanti, i ragazzi chiamati in causa mi hanno dato molte risposte. Peccato per Kessie che mancherà contro la Lazio per squalifica. Il club ci ha messo sempre nelle condizioni migliori per lavorare. Ha comprato giovani forti e con personalità. La tifoseria ci trasmette sempre passione, anche ieri a Milanello. Abbiamo apprezzato molto.

Non averli è un peccato, ma li sentiamo molto vicini soprattutto in un momento difficile come stiamo vivendo tutti. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milan, Massara: “Non credo l’Atalanta voglia liberarsi del Papu Gomez”

Theo Hernandez? E’ stato perfetto, sta crescendo molto e sta diventando completo. La sua qualità tecnica e fisica fa la differenza. Deve essere contento per quello che sta facendo, ha i mezzi per arrivare ad essere un top. Se otteniamo grandi risultati è grazie a giocatori come lui. Abbiamo ancora una partita poi ci possiamo godere questo 2020 che in ambito sportivo ci ha regalato molto.

Volevamo giocare anche senza centravanti quest’oggi, per non dare punti di riferimenti agli avversari. Ci possiamo adattare a qualsiasi schema di gioco. Si è creato un qualcosa di particolare, se arriverà qualcuno deve comportarsi come tutti in questo gruppo e non è facile trovare a gennaio giocatori di questo livello”.